I MINERALI D’ITALIA

Amethyse_de_GuerreroNella Mostra, allestita presso i Laboratori eni di Bolgiano (San Donato Milanese), è presente una raccolta dei principali minerali presenti nel nostro Paese, suddivisi per Regione, distribuiti in otto bacheche, a cui è stata recentemente aggiunta una nona bacheca contenente alcuni minerali di provenienza estera, carotine dell’attività geofisica e carote di fondo pozzo dell’attività di perforazione. I 734 minerali d’Italia ci sono pervenuti dalla Società Petrolifera Italiana – SPI – e sono parte di una raccolta privata di Gianraffaele Romagnoli al quale va il nostro ricordo riconoscente. Dai minerali sono estraibili i metalli utilizzati nell’Industria, mentre altri sono impiegati come pietre preziose e ornamentali. Molti si ritrovano tra i componenti essenziali delle rocce  che hanno creato i bacini sedimentari dove si sono formati  gli idrocarburi, successivamente migrati per depositarsi nelle trappole strutturali o stratigrafiche da cui possono essere estratti.

Per individuare un minerale e poterlo trovare facilmente nella bacheca in cui è esposto, utilizzate la lista   Elenco minerali in ordine alfabetico  per individuare la bacheca ed il numero d’ordine assegnato al minerale all’interno della Mostra.  

I minerali (dal latino medievale minerale, derivato del francese antico minière, “miniera”) sono corpi naturali inorganici, in genere solidi. In ambito storico, prescientifico, col termine minerale e regno minerale si indicava in genere l’insieme degli oggetti inanimati, prevalentemente minerali e rocce. Il termine odierno, inteso correttamente in senso scientifico, indica corpi che presentano una composizione chimica definita o variabile entro i limiti ben precisi imposti dalla stechiometria; essi si presentano quasi sempre sotto forma cristallina. Nell’industria estrattiva si tende ad attribuire il termine minerale anche a sostanze allo stato liquido o gassoso estraibili dal sottosuolo, tipico il caso del petrolio e del metano.

Un minerale può essere costituito da un solo elemento chimico, come l’oro (Au), oppure da uno o più elementi legati assieme in un composto chimico semplice, come ad esempio il quarzo (SiO2), da molecole di formula complessa, spesso comprensiva di molecole di acqua di cristallizzazione, come l’Idrobasalluminite Al4(SO4)(OH)10·12-36(H2O), o più complessa ancora. Il termine minerale implica non soltanto la composizione chimica ma anche la struttura cristallina del materiale. La composizione dei minerali varia quindi dai semplici elementi chimici a sali fino ad arrivare a silicati molto complessi, mentre la maggior parte dei composti organici sono solitamente esclusi, ed enumera migliaia di forme conosciute. Lo studio dei minerali è detto mineralogia.   (Testo estratto da Wikipedia)

I minerali da Wikipedia       Cristallografia da Wikipedia 

Bacheca 1        Bacheca 2     Bacheca 3     Bacheca 4      Bacheca 5    Bacheca 6     Bacheca 7     

Bacheca 8        Bacheca 9