Esperienze Iraniane, di Renzo Mazzei

L’Iran è stato il secondo Paese, subito dopo l’Egitto, in cui l’ENI ha iniziato la sua avventura all’estero con la “Formula Mattei”, ed ha scoperto negli anni 1950-60 tre giacimenti ad olio nella parte settentrionale del Golfo Persico, chiamati Bahargan Sar, Hendijan e Now Rouz, operati dalla società SIRIP costituita da 50% AGIP, 50% NIOC (società governativa iraniana) e tre giacimenti ad olio nella parte sud del Golfo, a nord-est della penisola del Qatar, chiamati Rostam, Rakhsh e Alpha, operati dalla società IMINOCO (una Joint Venture costituita da AGIP, operatore, Phillips, una società indiana e NIOC al 50%. Inoltre, negli anni 1960-70, l’AGIP ha scoperto tre giacimenti ad olio sui monti Zagros, chiamati Kuh-e Rig, Kuh-e-Shurom e Kuh-e-Dudrou. Tali giacimenti sono stati riconosciuti commerciabili dalla NIOC, ma il loro sviluppo si è interrotto nel 1978-1979 a causa della rivoluzione iraniana, l’ascesa al potere di Khomeini e la nascita della Repubblica Islamica, con la conseguente estromissione di tutte le compagnie straniere dall’Iran.

Esperienze Iran

Lascia un commento

Inserisci qui sotto il tuo commento