L’Egitto è stata la prima grande avventura estera dell’ENI, che iniziò nel 1954 acquistando la partecipazione nella società IEOC, nella quale era presente il governo del Cairo (l’ENI assunse poi il controllo completo della IEOC nel 1961). Tale quota fu acquistata dalla allora Agip Mineraria in seguito a una dismissione da parte della belga Petrofina, che considerava l’Egitto poco interessante dal punto di vista petrolifero. Enrico Mattei credette invece nel […]

» continua

L’Iran è stato il secondo Paese, subito dopo l’Egitto, in cui l’ENI ha iniziato la sua avventura all’estero con la “Formula Mattei”, ed ha scoperto negli anni 1950-60 tre giacimenti ad olio nella parte settentrionale del Golfo Persico, chiamati Bahargan Sar, Hendijan e Now Rouz, operati dalla società SIRIP costituita da 50% AGIP, 50% NIOC (società governativa iraniana) e tre giacimenti ad olio nella parte sud del Golfo, a nord-est […]

» continua

Mi risulta che oggi l’ENI sia presente in Iraq dal 2009 quale capo gruppo di un consorzio di cui fanno parte anche la Occidental Petroleum Corporation, la Korea Gas Corporation e la compagnia statale Missan Oil Company, per gestire un contratto di servizio inerente al ri-sviluppo (Enhanced Redevelopment Plan) del giacimento “Giant” di Zubair scoperto nel 1949, che dovrebbe portare il livello di produzione a superare il milione di barili/giorno. […]

» continua

A causa delle restrizioni sugli spostamenti, anche in ambito intercomunale, imposte dai DPCM, e dalla Regione visto il perdurare della pandemia, quest’anno per la ricorrenza di Santa Barbara non è stato possibile organizzare il tradizionale incontro a Caviaga per celebrare la nostra Patrona e commemorare i nostri colleghi defunti ….. Notiziario celebrazione Santa Barbara 4.12.2020

» continua