Ricordi di un geologo Agip in Indonesia (1968-1981). Di A. Franchino          Dopo i 3 Articoli dedicati al permesso esplorativo “Natuna Sea Block A” e delle note geografiche e storiche sulle isole Natuna e Salawati, questa 4° (e ultima) puntata è una carrellata di ricordi di lavoro e personali del  periodo di permanenza di Aristide Franchino in Indonesia . E’ forse un pò disordinata, confusa ed incompleta, dato che i […]

» continua

   I 50 anni della Centrale gas di Ravenna Mare. Di A. Miserocchi    Antonio Miserocchi ricorda la scoperta del giacimento di Ravenna Mare nel 1960, primo ritrovamento di gas metano nell’off-shore ravennate, a cui seguono quelle dei giacimenti di Ravenna Mare Sud, Punta Marina e Porto Corsini Mare Est che rendono indispensabile, per il loro sfruttamento, la costruzione di una centrale gas, che inizia nel 1963, esattamente 50 anni fa, e […]

» continua

Racconto della tragedia del Paguro. Di A. Miserocchi       Antonio Miserocchi ricorda l’incidente avvenuto il 28 settembre 1965, sul jack-up Paguro, posizionato a circa 14 miglia da Marina di Ravenna su un fondale di circa 25 metri, mentre perforava il pozzo Porto Corsini Mare Est 7: obiettivo quello di raggiungere la profondità di 2900 metri dove era stato individuato un  giacimento di metano. Raggiunta la profondità prestabilita, venne rilevata una pressione […]

» continua

  Il blackout del 28 Settembre 2003     Antonio Barbalinardo, Socio Apve e pensionato SNAM, racconta la sua esperienza mentre era di turno nella Centrale elettrica eni di cogenerazione di SDM la notte del 28 settembre 2003, quando un blackout generale spense le luci in tutta l'Italia e fermò per qualche ora tutte le attività operative.

» continua

  Notiziario incontro geofisici ex OPSI a Bobbio 6.4.2013             Il giorno 6 aprile 2013 si sono dati appuntamento a Bobbio (Piacenza) i geofisici di acquisizione sismica che hanno fatto parte dell’Unità Operazioni Sismiche (OPSI) – AGIP, in cui erano confluiti alla fine degli anni ’60 i componenti delle Squadre sismiche Agip che via via venivano chiuse e sostituite da Squadre contrattiste (Western, Prakla, CGG, Globe, SIAG, ecc). Si trattava quindi […]

» continua

    Cortemaggiore e Mattei – una storia italiana. Di A. Miserocchi. L’Articolo di Miserocchi intende evidenziare quello che Cortemaggiore ha rappresentato nella storia dell’AGIP e dell’Eni, oltre a ricordare i tanti, operai, tecnici ed impiegati che, grazie alla scoperta del “petrolio” di Cortemaggiore, hanno contribuito a rendere più ricco il nostro Paese  ed a far diventare l’Eni la più importante azienda italiana. La scoperta del petrolio a Cortemaggiore aiutò Enrico Mattei a […]

» continua

 Ricordi di un geologo Agip in Indonesia, Salawati in Irian Jaya. Di A. Franchino                  Nell’ottobre 1968 l’AGIP inizia l’attività in Indonesia, con il suo primo Production Sharing Contract con la Pertamina, su un’area di oltre 100.000 kmq denominata Teluk Berau, in Irian Jaya, la parte occidentale indonesiana della Papua Nuova Guinea. L’Agip ha operato in JV dal 1969  con Phillips (operatore) e Conoco, scoprendo nel 1977 il campo ad olio di […]

» continua

 Racconto di un pranzo in Tanzania. Di Danilo Predi                  All’inizio del 1970 venni inviato in Tanzania per problemi tecnici nella centrale termoelettrica della TIPER, dove il Capo Centrale era un mio vecchio amico, un Masai di nome Kinoo, che avevo conosciuto quando lavorava nella centrale di Sannazzaro dè Burgondi e poi negli uffici di Metanopoli. Ai primi di Febbraio di quell’anno, ricordo bene perché era il giorno del mio trentottesimo compleanno, […]

» continua

Nel dicembre del 1968 l’AGIP acquisisce in Indonesia, per ricerca petrolifera con Production Sharing Contract (PSC) con la Pertamina, un’area offshore, di oltre 100.000 kmq , denominata “South China Sea Block A”, posto a Nord dell’isola di Natuna. Per affermare, in contrasto con il Vietnam, la propria giurisdizione su quella parte di mare, a metà degli anni 1970, aveva poi ufficialmente cambiato la denominazione dei PSC “South China Sea” con quella […]

» continua

Tra il 1938 ed il 1944 lavorò in Albania, come Capo Geologo dell’AIPA, la società controllata dall’Agip che conduceva le ricerche petrolifere in quel paese, il prof. Antonio Lazzari, che  dominò, poi, la scena geologica soprattutto nell’Italia Meridionale, avendo insegnato per 25 anni Geografia Fisica all’Università di Napoli. Si può dire che Lazzari condusse, da un punto di vista geologico, lo sviluppo del giacimento di Devoli e poi di quello […]

» continua